Conferenza della Svizzera italiana per la formazione continua degli adulti CFC
Conferenza della Svizzera italiana per la formazione continua degli adulti - CFC Conferenza della Svizzera italiana per la formazione continua degli adulti - CFC

In casi eccezionali l'UFSP ammette l'uso di pannelli divisori per i corsi in presenza

27 Maggio 2020
 

Dopo il divieto dell'erogazione dei corsi in presenza, dall’11 maggio 2020, è di nuovo possibile entrare in aula con un massimo di cinque persone, formatori compresi. Nel corso della conferenza stampa del 27 maggio il Consiglio federale ha annunciato che a partire dal 6 giugno sarà possibile organizzare formazioni con gruppi più numerosi.

Nell'erogazione dei corsi in presenza occorre mantenere la distanza di due metri tra una postazione e l'altra. Questa condizione ha reso difficile l'allestimento delle aule per tanti enti di formazione. Pertanto la Federazione svizzera per la formazione continua FSEA è intervenuta presso l'Ufficio federale della sanità pubblica UFSP.
Così, secondo la decisione dell'UFSP, a partire dal 6 giugno sarà possibile, in casi eccezionali, scendere al di sotto della distanza di sicurezza di due metri utilizzando pannelli divisori in analogia al piano di protezione adottato dal settore alberghiero e della ristorazione.

Occorre inoltre che l'ente di formazione abbia un piano di protezione, e che il gruppo in formazione non sia composto da più di 25 persone, che la lezione non superi le due ore al giorno e che l'ente registri i contatti dei partecipanti.

La FSEA ha adattato di conseguenza il piano di protezione generale per la formazione continua.

 

> Piano di protezione generale della FSEA

Conferenza per la formazione continua degli adulti CFC

Conferenza della Svizzera italiana

per la formazione continua degli adulti

Via Besso 84
6900 Lugano-Massagno
tel. +41 (0)91 950 84 16

Pagina contatto

 

FacebookSeguici anche su Facebook